Canonical lavora su Ubuntu TV e Ubuntu for Android

5 dicembre, 2012 Nessun commento »

Ubuntu è la distribuzione Linux che è stata in grado di farsi apprezzare da milioni di utenti e aziende, creando nel tempo un’esperienza informatica apprezzata e condivisa dappertutto, anche in paesi come la Cina, l’India, gli USA e via discorrendo.


Recentemente la CEO di Canonical, Jane Silber, è stata intervistata ed ha parlato degli obiettivi che Ubuntu sta perseguendo in questo periodo. All’inizio dell’intervista, Jane Silber ha affermato qual è stato il metodo utilizzato per sviluppare Ubuntu: “non abbiamo inventato un test per la user experience, ma abbiamo sempre creduto nella progettazione centrata sull’utente”. La stessa affermazione la si ritrova costantemente dei discorsi di Mark Shuttleworth, degli sviluppatori Ubuntu, della community e delle leggende di Linux come Linus Torvalds. Sarà mica un caso?

Dalle parole della CEO di Canonical, sembra che l’Ubuntu Software Center abbia iniziato a muoversi verso una direzione positiva, “sta andando molto bene. Non abbiamo 100.000 applicazioni come altre piattaforme, ma stiamo crescendo ad un buon ritmo e stiamo offrendo buone prospettive agli sviluppatori di app”.

Negli ultimi tempi, inoltre, Canonical non si è interessata solo ai “soliti” mercati, ma ha cercato di spaziare a 360°: basti pensare che Ubuntu è stato distribuito in 1.600 scuole e 50.000 PC in Sud Africa, un approccio che ha permetto all’azienda di raggiungere e farsi conoscere da 2 milioni di persone. Ubuntu TV e Ubuntu for Android stanno inoltre attraendo molte positive reazioni, soprattutto negli ultimi mesi, anche se l momento non è stato rilasciato nulla di concreto per entrambi i prodotti. Tuttavia, gli sviluppatori stanno lavorando duramente per poter rilasciare, probabilmente già in un prossimo futuro, sia Ubuntu TV, sia Ubuntu for Android.

Canonical penserà a sviluppare il software, mentre l’hardware sarà selezionato e realizzato da diversi produttori: “La nostra strategia di mercato passa assolutamente attraverso dei vendor hardware. Non abbiamo intenzione di iniziare a realizzare e vendere hardware. Stiamo lavorando per portare questi prodotti sul mercato, ma siccome sono i loro e non i nostri, non posso darvi una timeline accurata”.

jane_silber_interview

Fonte: ILoveUbuntu

Potrebbero interessarti ...