Presto i robot–assistenti gestiti da Windows e Ubuntu, con Kinect

12 aprile, 2011 Nessun commento »

GeckoSystems mostrerà la quarta generazione dei suoi “CareBot” alla Mobile Robots in Motion Conference in programma il 13 e 14 aprile prossimi. L’ultimo modello realizzato, corrispondente alla release 4.0, è basato su due schede madri Mini-ITX sulle quali sono installate due CPU Intel Atom dual core; uno dei sistemi utilizza Ubuntu, l’altro Windows XP.


Il nuovo robot si basa sull’ultima versione del GeckoMotorController 7.0 e su un nuovo sistema di visione GeckoImager 3.1, basato sulla tecnologia Microsoft Kinect. Questo dovrebbe essere il primo modello di robot disponibile sul mercato dedicato alla cura delle persone anziane.

GeckoSystems ha fatto sapere di essere al lavoro con molti potenziali aziende produttrici per la realizzazione su scala industriale dei CareBot, che potrebbero essere utilizzati come aiutanti domestici per anziani e disabili, con la possibilità di offrire servizi di pulizia, intrattenimento, monitoraggio remoto, telepresenza (grazie alla scheda di rete WiFi e alle telecamere integrate) e gestione appuntamenti e ricorrenze anche tramite Internet da postazioni remote. Pensate alla comodità di avere un assistente che ricorda ai nostri cari di prendere la pillola, di andare all’appuntamento con il dottore e così via, anche quando non siamo in casa!

Immagine anteprima YouTube

I CareBot possono muoversi grazie alle ruote indipendenti, hanno sensori multipli, vari microprocessori e diversi computer connessi in rete; i microprocessori interagiscono direttamente con i sensori e trasmettono i dati ai computer che poi li elaborano. Il GeckoImager, ovvero il sistema di visione del robot, viene eseguito su Linux, mentre il GeckoNav, che si occupa dei movimenti, viene eseguito su Windows XP. Il controller principale di queste due sotto-unità “savant” è eseguito anch’esso su Windows XP.

Particolarmente interessante il sistema che si occupa della visione, che prendendo spunto dagli occhi composti degli insetti fonde assieme le due videocamere del Kinect con un sonar per permettere al robot di avere un’eccellente capacità di localizzare gli ostacoli sia fissi che in movimento.

Immagine anteprima YouTube

Secondo Martin Spencer, Presidente e CEO di GeckoSystems, l’utilizzo di tecnologie low-cost come il Kinect permetterà all’azienda di inserirsi ben presto in nicchie di mercato B2B (Business to Business), tanto che Spencer prevede di poter ricevere i primi guadagni non tanto dalla produzione e vendita dei robot, quanto dalla vendita di tecnologie brevettate ad altre aziende. Al momento, a parte la presentazione che avverrà il 13 e 14 aprile alla conferenza “Mobile Robots in Motion” che si terrà a Conyers in Georgia, non abbiamo notizia circa una possibile data di commercializzazione di questi robot.

Immagine anteprima YouTube

Potrebbero interessarti ...